I training tecnici scavalcano le mura domestiche

 

Certe volte, l’internazionalizzazione porta le aziende a uniformare i propri processi, anche nei rapporti con l’esterno. Ma in molti altri casi significa, al contrario, adattare i propri processi a realtà, culture e persone diverse, per avvicinarsi a loro e per trovare insieme nuove modalità di lavoro.

 

Di certo K-array ha sposato questa seconda opzione nel suo iter di sviluppo verso i mercati esteri. Durante il GDM (Global Distribution Meeting) che si è svolto in ottobre, il Product Specialist Francesco Maffei aveva già annunciato che nel 2013 sarebbero stati proposti i workshop tecnici non più solo nella sede italiana, ma anche negli Stati Uniti e a Hong Kong. Di fatto i tempi sono stati ulteriormente anticipati, e dal 20 al 23 novembre K-array ha organizzato il suo primo training tecnico al di fuori delle mura domestiche, per incontrare i propri partner asiatici.

 

Oltre 12 ore di volo hanno dunque portato Francesco alla sede di Sennheiser Asia, a Singapore, dove lo aspettavano i distributori della zona: Livegear dal Giappone, Soundus dalla Corea, Sennheiser China e Hong Kong e, naturalmente, i padroni di casa di Sennheiser Asia. Presenti anche i rivenditori, invitati dai distributori stessi. Calda l'accoglienza e la collaborazione di Victor Tan e il suo team, per l’ospitalità e la collaborazione per la parte logistica degli incontri, dalle aule di lavoro al reperimento del materiale necessario per i seminari.

 

Il 20 e 21 novembre si è svolto quindi il workshop per i tecnici commerciali, a cura di Francesco Maffei, e il 22 e 23 quello per gli operatori e i referenti dei service departments a cura di Daniel Strasserra: circa 25 “allievi” nel primo caso e una dozzina nel secondo. Al centro dell’attenzione i prodotti più recenti di K-array, le Redline con il loro DSP e i software di gestione, “dissezionati” in ogni dettaglio da Daniel per il gruppo dei tecnici e affrontati in maniera più soft da Francesco per coloro che si occupano di vendite, ma con un occhio in più agli aspetti strategici.

 

I momenti liberi, come sempre quando ci si ritrova tra colleghi, hanno rappresentato la giusta occasione per raccontarsi reciprocamente storie memorabili, vissute in anni dedicati al sound, ma anche per conoscersi meglio e pensare a possibili collaborazioni

 

"Tra i partecipanti si è subito creato un ottimo clima, favorevole al racconto di esperienze e ‘trucchi del mestiere’, anche sull’uso dei prodotti stessi. Ma, soprattutto, è stata l’occasione per pensare a nuove collaborazioni: diverse rental companies della stessa zona hanno pensato di mettere a disposizione l’una dell’altra i propri sistemi, in caso di necessità, o di lavorare insieme su eventi impegnativi. Si è trattato del primo seminario tecnico estero ma solo il primo di una lunga serie che desideriamo realizzare. Vogliamo infatti essere più vicini possibile ai nostri distributori, per sostenerli nelle loro necessità, ma anche per ascoltare i loro commenti e suggerimenti, così utili per noi."

Francesco Maffei, Product Speialist di K-array