K-array in rosa col Giro d’Italia in Danimarca

phoca thumb l giro3
phoca thumb l giro1
phoca thumb l giro2

 

La cultura italiana incontra l’asfalto danese; questo il motto che ha fatto da sottofondo al Giro d’Italia in Danimarca del 2012. Ma cosa ha a che fare l’asfalto danese con il Giro d’Italia? Forse solo gli appassionati di ciclismo sanno che quest’anno la manifestazione è cominciata proprio in Danimarca: un incipit in tre tappe che ha ampliato i tradizionali confini della manifestazione, toccando durante tre giorni (5, 6 e 7 maggio) la regione centro-orientale del Paese. Herning e Horsens, le due città teatro degli arrivi, si sono così ammantate del colore simbolo del Giro, il rosa, per accogliere degnamente pubblico e sportivi.

 

Jan Jull Hansen è il titolare di MAVT, azienda danese che dal 2011distribuisce K-array sul territorio e protagonista di tante realizzazioni portate a termine grazie al marchio italiano, alcune delle quali sono state raccontate attraverso questa stessa newsletter. Jan è stato contattato dall’organizzazione del Giro per risolvere alcune importanti questioni legate alla logistica degli eventi collaterali alla manifestazione: rendere fruibile a un pubblico numeroso ma non precisato le cerimonie delle premiazioni, che si sarebbero svolte a distanza di un solo giorno e in città lontane tra loro.

 

"K-array ha saputo rispondere perfettamente a entrambe queste necessità; infatti, non sapevamo di preciso quanto pubblico ci sarebbe stato, e non potevamo correre il rischio di lasciare zone di ascolto scoperte… immaginate quale può essere la delusione di chi assiste a una premiazione e non può distinguere il nome del vincitore! Inoltre, i tempi erano strettissimi, e l’estrema compattezza e facilità di montaggio del sistema che abbiamo scelto, RedLine 402, ci ha permesso di terminare smontaggio e riallestimento in una sola notte. Oltre che per la parte dell’audio, siamo stati coinvolti anche nella fornitura di un grande LEDwall di circa 20 m2, pensato per rendere meglio visibili le cerimonie; quindi l’estrema velocità di montaggio e di setup del sistema K-array ci ha permesso di rispettare i tempi anche per il resto del lavoro."

Jan Jull Hansen, titolare di MAVT

 

Nella sonorizzazione delle premiazioni del Giro le due “teste” del RedLine KR402, costituite a loro volta da due moduli line-array per le frequenze medio-alte, sono state sospese alla truss frontale, mentre i subwoofer sono stati semplicemente appoggiati sul palco. Questi ultimi alloggiano ciascuno un cono da 21”, pilotato da un amplificatore in classe D, processato a sua volta da un potente DSP che facilita tutte le operazioni di equalizzazione e allineamento dell’impianto; sono inoltre disponibili dei preset già definiti dalla casa madre, naturalmente implementabili con quelli creati dall’utente (e salvabili in memoria fino a un massimo di 40).

 

"Un sistema plug&play che ci ha risolto tutti i problemi e che ha funzionato bene da subito, facilitandoci molto anche il resto del lavoro."

(ibid.)