Cipro by night con K-array

 phoca thumb l img 5947 copy

 

La stagione turistica di Kyrenia, piccola città portuale nel Nord di Cipro, è iniziata negli anni ’20, quando un giovane rimpatriato dagli USA di nome Costas Catsellis decise di far costruire l’hotel Seaview, presto seguito anche dal Dome (nel 1932). Già frequentata come luogo di vacanza dalle famiglie facoltose di Nicosia, la città vide arrivare un numero sempre maggiore di turisti attratti dal clima, dal caratteristico porto, dai numerosi siti archeologici e dalla splendida natura mediterranea.

 

Nuove strutture ricettive sorsero alla fine della Seconda Guerra Mondiale, e poi ancora negli anni ’60, dopo l’indipendenza dal Regno Unito, fino ad oggi, confermando Kyrenia una piacevole meta turistica.

 

 phoca thumb l img 4521 copy

 

Tra i resort di Kyrenia troviamo anche il prestigioso Rocks Hotel and Casinò, che beneficia di una posizione centrale di fronte al mare, e offre ai suoi ospiti tutti gli ingredienti di una vacanza tanto riposante quanto glamour. Oltre alla piscina, alla spa, al salone di bellezza, alla spiaggia privata, al fitness center, ci sono ovviamente anche luoghi adatti a passare la serata tra cibo e buona musica: l’Onyx e il Temple.

 

L’Onyx è una discoteca dal design moderno e curato, luminosa grazie alle ampie vetrate e ai colori chiari alternati a quelli del legno, mentre il Temple è un grande spazio en plein air, aperto solo nella stagione estiva e pensato espressamente per “fare tardi” tra un ballo e un drink. In comune hanno però le dotazioni sonore, tutte K-array, grazie alla passione di Oktay Karasoglu (Presidente di Lotus Teknoloji distributore in Turchia) per il marchio italiano. I due locali sono stati aperti l’estate scorsa, già completi di due impianti K-array installati in pochissimo tempo (solo tre giorni per l’Onyx) sotto la supervisione di Karasoglu stesso.

 

Per l’Onyx vi era la necessità di diffusori discreti ed eleganti che si potessero integrare nel design ma sapessero anche coprire ampi spazi: per questo sono stati scelti quelli della serie Kobra, che offrono appunto grande compattezza a fronte di un’ampia dispersione (configurabile sia in senso orizzontale che verticale) e copertura full range. Sono stati quindi installati due KR200S , 50 KK50, un sub KL21ma per supportare la gamma grave sulla media distanza, il tutto gestito da due amplificatori KA40.

 

 phoca thumb l cyprus1

 

Per il Temple era invece necessaria maggiore pressione su un’area più grande, quindi Oktay ha deciso di combinare diversamente i diffusori, pur confermando la sua scelta per i medesimi modelli. Sono così stati installati 20 KK200 e 16 KK50, pilotati da quattro amplificatori KA40 … una dotazione più che sufficiente per sostenere l’entusiasmo e l’energia di chi desidera serate (e magari nottate) movimentate.