K-array al PL+S 2014

 K-array team

 

Lo stand di K-array in fiera non è mai “solo un appoggio”: è concepito in modo che si possa entrare in un mondo a sè, nel quale scoprire le soluzioni e la filosofia del marchio italiano, ma anche incontrarsi, magari bere una tazza di espresso italiano, e imparare cose nuove durante i frequentissimi tutorial. Così è stato anche al ProLight+Sound che si è svolto a Francoforte dal 12 al 15 marzo.

 

Francesco Maffei, Product Specialist K-array, in una pausa tra le sue frequenti presentazioni, ha raccontato:

 

"Ormai ISE e PL+S si dividono il pubblico e qui a Francoforte è più presente il mondo rental&staging, quello degli eventi e del touring. Abbiamo quindi riproposto alcune delle novità presentate a ISE, ma ci siamo riservati per il PL+S qualche bella sorpresa per chi lavora on the road."

Francesco Maffei, Product Specialist K-array

 

In mostra, infatti, c’erano le novità presentate ad Amsterdam poco più di un mese fa: i KT2 Tornado, diffusori point-source compatti, completi di illuminazione a LED integrata nella versione KTL2, ottimizzati nelle loro caratteristiche e oggi, più versatili che mai, anche convertibili da passivi ad attivi grazie alla possibilità di pluggare il mini amplificatore (il più piccolo sul mercato) KA1-T2 a 12 o 24 V. In mostra anche i nuovi amplificatori KA24 e KA84, rispettivamente 4x500 e 4x2.000 W, con DSP a bordo, utilizzabili come mixer con la possibilità di essere interfacciati a sistemi come Crestron e AMX.    

 

Eccoci alle vere sorprese svelate al PL+S: il grande successo riscosso nel 2013 da Anakonda, il primo line array con struttura flessibile premiato per la sua innovatività con un ABTT Award e un InAVation Award, ha anche messo in luce le sue possibilità di upgrade. Oggi Anakonda KAN200+ dispone infatti di un numero doppio di trasduttori, incrementando di + 6dB l’SPL della modello precedente, utili specialmente nelle applicazioni front-fill. Migliorata anche l’ugualmente fortunata e oramai storica Lyzard nel nuovo modello KZ12, “l’unico altoparlante grande come un dito”, dice Francesco ridendo, che beneficia oggi di ulteriori 3 dB di potenza e una risposta più omogenea specialmente per le medio-basse frequenze.

 

 images

 

Il PL+S ha rappresentato anche la prima uscita pubblica dei nuovissimi diffusori per il touring di K-array: i KH8 e KS8, attualmente in fase di Beta-testing ma presto lanciati sul mercato, sono già divenuti leggendari nonostante siano trapelate poche (ma interessantissime) caratteristiche.

 

"Dall’esperienza dei KH4 e KS4 abbiamo sviluppato un sistema per i grandi concerti e per affrontare tutte le sfide dell’utilizzo on the road. Può adattarsi a ogni ambiente, dal palazzetto dello sport agli stadi, ed è possibile calibrarne facilmente e velocemente la diffusione se, per esempio, vi fossero fluttuazioni nel numero di biglietti venduti. Si monta in 10 minuti ed è subito pronto, tanto che può essere “dimenticato” per potersi concentrare su altro: è costruito per suonare in ogni condizione e addirittura per assorbire piccoli errori di puntamento. Volevamo offrire la nostra visione di diffusore per le large venue e sono convinto che questo prodotto farà la differenza nel futuro."

(ibid.)

 

Di questo ultimo sistema si occuperà Klaus Hausherr, sound engineer di lunga esperienza in molti e importanti tour internazionali, che ha da poco raggiunto lo staff di K-array come Product Specialist della concert series.

 

"Klaus porta a bordo una conoscenza specifica e preziosissima legata al touring e che ci permetterà di sviluppare ulteriormente sia le caratteristiche che il servizio legato ai KH8 e KS8."

(ibid.)