L’Evento di celebrazione del Ventennale alla Stazione Leopolda di Firenze

 phoca thumb l public  page 22

 

In Italia viviamo sempre a stretto contatto con la creatività e l’innovazione. In questa questa occasione, a fine novembre del 2014, K-array è stata invitata a supportare la celebrazioni dei 60 anni di Nuova Pignone e 20 anni di GE, che hanno portato l’industria del petrolio e del gas qui a Firenze.

 

"Desidero complimentarmi con GE Oil&Gas per questo evento, è stato organizzato davvero bene ed è stato grandemente apprezzato dai nostri collaboratori, che hanno avuto l’opportunità di parteciparvi in un luogo così vicino a casa."

Francesco Maffei, Product Manager, K-array

 

phoca thumb l public  page 19
phoca thumb l public  page 21

 

Nuovo Pignone è un’azienda d’ingegneria che ha fatto la sua fortuna nel settore Oil&Gas negli anni ‘50 e oggi è riconosciuta per essere un importante player mondiale nella produzione di turbine, pompe, compressori per aviazione e per la produzione di energia. Nuovo Pignone esporta le sue apparecchiature e tecnologie in tutto il mondo e ha come clienti alcune tra le più importanti aziende petrolifere. Nel 1994 Nuovo Pignone è stata rilevata dalla GE Oil&Gas, che tutt’ora utilizza questo marchio leggendario.

 

GE Oil&Gas ha organizzato un evento per celebrare i 60 anni di Nuovo Pignone e i 20 dell’azienda e nell’occasione è stata presentata l’ultima, innovativa turbina da utilizzare nelle spedizioni estrattive di gas e petrolio del futuro. Nel novembre 2014 sono stati invitati quindi alla Stazione Leopolda di Firenze i maggiori player dell’industria, ma anche il pubblico dei non addetti ai lavori, così da condividere con tutti questa importante celebrazione. Fra di loro c’era anche K-array, che ha supportato l’evento con una soluzione audio per i vasti spazi della Stazione Leopolda.


Il design dell’allestimento è opera dell’architetto Alessandro Rustighi di Mediacross che, partendo dall’ideazione fino al più piccolo dettaglio, gli ha conferito forme rigide e acuminate: lame, spigoli e un’idea generale di robustezza. La forza delle macchine, l’innovazione tecnologica e post industriale sono le idee guida del progetto, concretizzate attraverso l’uso di metalli, cavi, pvc e luci a LED puntate a pioggia. Molto utilizzato anche il video, sia con finalità comunicative e informative, che come parte del design. Sono stati realizzati diversi video, quelli di maggior rilievo raccontano la storia dell’azienda utilizzando molti effetti in postproduzione; era stato installato anche un videowall, utile per illuminare il bar, che catturava letteralmente l’attenzione con un montaggio di immagini sincopate di bulbi elettrici del futuro.

img 0125
public  page 20

 

Nell’auditorium, di circa 300 posti, hanno avuto luogo presentazioni e dibattiti; nel resto dello spazio si trovavano un laboratorio sperimentale per bambini e un’area dove vagare alla scoperta delle apparecchiature prodotte dall’azienda, che rappresentava l’ultimo step del tech tour offerto ai presenti. Alla fine, ci si trovava in un grande spazio con una proiezione olografica di 10 metri nella quale la protagonista era una turbina che, grazie agli effetti ottici, sembrava letteralmente uscire dal video e galleggiare nello spazio.

 

In questo contesto, gli slim array di K-array sono stati utilizzati nelle sale conferenza, dove sono stati installati sistemi KR402 e KR202 per supportare i discorsi dei vari relatori e ospiti. Inoltre, una serie di KAN200+ era presente nell’area espositiva dedicata alla nuova turbina, al fine di supportare la videoproiezione, mentre altri due KR402 e un KO70 sono stati utilizzati per la proiezione in una sala distaccata. Questo notevole show tecnologico è stato curato dall’azienda Fiorentina MMG Multimedia Meeting che ha iniziato a far parte della ormai in continua espansione famiglia K-array, grazie all’acquisto di un numero di sistemi della linea portable e altri prodotti da installazione. MM Group è rimasta molto soddisfatta del lavoro con K-array, grazie alla facilità di montaggio e set up delle sue apparecchiature, ma anche per la qualità del suono e la capacità di ridurre il riverbero in uno spazio così ampio.