Uno fra i più prestigiosi luoghi di culto ungheresi ha scelto K-Array

 phoca thumb l img 5404b

 

La fase classica del Gotico trova il suo coronamento nell'Arciabbazia di Pannonhalma (piccola città a 100 km da Budapest, Ungheria), che fu costruita all'inizio del XII secolo.

 

Tre anni fa, la Basilica è stata sottoposta a un restauro completo, nel quale era anche previsto l'aggiornamento del sistema audio tramite dei piccoli speaker distribuiti fra i banchi della chiesa e vicino agli impianti d'illuminazione, conformemente alle linee guida architettoniche. A causa delle grandi imperfezioni riscontrate nella qualità dell'installazione e vista la necessità di passare a un impianto di livello superiore, per il successivo restauro è stato chiesto un nuovo sistema acustico.

 

 phoca thumb l img 5400b

 

Audio Partner Ltd, distributore K-array, è stato invitato a mostrare un nuovo sistema in grado di fornire una copertura uniforme e un buon livello di STI lungo tutta la chiesa. Dopo aver condotto un test in loco, durante una messa serale, per assicurarsi che l'impianto K-array fosse adatto allo scopo, la soluzione finale è stata così definita: otto KZ12W, tre KV50 e un KK102 alimentati da due KA1-1 e da un amplificatore KA24.

 

Il KK102 è stato installato vicino alla colonna laterale dell'altare e inclinato verso il basso al livello della navata. Due dei KV50 sono stati allineati l'uno sopra l'altro e montati sulle colonne laterali del santuario, mentre l'altro è stato montato vicino alla fonte battesimale. Data la loro posizione di primo piano, e perché si abbinassero nel colore agli impianti di illuminazione, gli speaker, pilotati da un amplificatore KA24, sono stati racchiusi in una struttura in ottone traforato.

 

Lungo le pareti della navata laterale è avvenuto il montaggio degli KZ12W, che sono stati personalizzati perché i loro colori combaciassero con quelli delle pietre sulle quali appoggiano. I due amplificatori KA1-1 sono stati usati per pilotare gli speaker su 8 canali separati.

 

 phoca thumb l img 5397b

 

La catena di elaborazione dei segnali è composta da meccanismi per adattare le distanze relative fra pulpiti e speaker, e da un mixer automatico, controllabile manualmente grazie a un dispositivo override, che rende facile e personalizzabile l'utilizzo del sistema.

 

Grazie all'accurato design e alla possibilità di elaborazione dei segnali, gli STI, misurati quando la chiesa era vuota, assumevano un valore dello 0.55 nell'area principale e dello 0.5 nella navata laterale.

 

La copertura uniforme è stata subito evidente e molto apprezzata dall'Abbazia:


"Cambiare il sistema ha significato un miglioramento notevole in termini di chiarezza e intensità dei suoni. Inoltre, grazie ai dispositivi di controllo ed elaborazione dei segnali, siamo in grado di fornire copertura verso tutti i posti occupati, evitando zone morte anche nel caso in cui la chiesa fosse piena."

Referente Arciabbazia di Pannonhalma