Al Museo Correr, K-array vince una difficile gara a ostacoli…architettonici!

 phoca thumb l correr

 

I peggiori incubi di un progettista del suono che sta implementando un impianto audio in una zona di alto profilo e particolarmente movimentata, sono rappresentati da problemi architettonici e di inquinamento acustico.

 

Endar, rinomato Centro Internazionale veneziano che offre servizi tecnici congressuali, ed Exhibo, azienda italiana che distribuisce impianti audio professionali, sono riusciti a superare problemi di questo tipo all’interno delle sale del Museo Correr in Piazza San Marco, a Venezia, in occasione dell’installazione dei sistemi ad alte prestazioni di marchio K-array.

 phoca thumb l immagine-010

 

Con le sue ricche e variegate collezioni, il Museo Correr copre secoli di arte e storia di Venezia. Le richieste del cliente muovevano verso un impianto audio invisibile ma dalle alte performance acustiche, in grado di adattarsi alle mutevoli configurazioni che le sale avrebbero assunto durante gli svariati eventi ospitati. Viste le dimensioni delle stanze, l’abbondanza di marmi e di altri rivestimenti che causano la riflessione del suono, è stato chiaro fin da subito che l’arrangiamento acustico avrebbe dovuto essere estremamente dinamico.

 

Scegliendo K-array, il team composto dallo staff di Endar ed Exhibo ha realizzato un sistema che dirige il suono verso le zone dove di volta in volta era richiesto e che ne limita la dispersione in quelle aree che generano riflessione, fenomeno che mina l’intellegibilità del parlato e la chiarezza della musica. Caratterizzati da una direttività verticale inferiore ai 10°, gli speaker KK52 di K-array, di colore bianco, sono stati installati in modo totalmente discreto negli angoli delle sale.

 

phoca thumb l correr-3-e1450206804625

 

Inoltre, il sistema è stato munito di due subwoofer KMT12 da 12”, nascosti ingegnosamente dietro le colonne, che hanno contribuito a riprodurre in maniera appropriata le frequenze medio-basse provenienti dalla traccia audio presente in una proiezione video. I rappresentanti del Museo sono stati estremamente soddisfatti del risultato, commentandolo così:

 

“Siamo felici delle performance e della versatilità offerte da questo sobrio sistema. Si adatta perfettamente a tutte le nostre esigenze.”