I Suggerimenti di K-array sugli Altoparlanti da Usare nei Club e nelle Installazioni

eh henge-220-compressor

 

Non solo per i sistemi principali, le soluzioni audio di K-array per i club includono anche funzionalità di monitoraggio DJ.  

 

 

La competenza fornita dalla nostra squadra di specialisti di prodotto Francesco Maffei, Daniele Mochi e Daniel Strasserra sulla complessità dell'audio nei club.

 

1. Quali sono le tecnologie che secondo voi sono attualmente più ricercate nel settore dell’audio applicato alle discoteche?

Stiamo assistendo ad un costante aumento degli ambienti multi-funzionali e “concept-club” dove la pista da ballo diventa anche ristorante, lounge o negozio. L’impianto audio deve potersi adattare a tutte queste applicazioni, mantenendosi conforme alle normative che proteggono le strutture circostanti e le aree residenziali dall’inquinamento acustico. Al giorno d’oggi, la richiesta più comune da parte del cliente è che il sistema audio riduca al minimo l’emissione di energia sonora nelle aree al di fuori della pista da ballo.

 

2. Le tecnologie alla base dell’ ”audio 3D” rappresentano ancora il futuro in questo settore?

Vediamo che effettivamente la richiesta di “audio 3D” sta aumentando costantemente in molti dei nostri principali mercati, come l’area asiatica e gli Stati Uniti. Volendo naturalmente stare al passo con gli sviluppi dell’industria dell’audio professionale, i locali cercano di migliorare costantemente il livello di soddisfazione del cliente, e il nostro obiettivo, come produttori di diffusori, è quello di riuscire ad anticipare preventivamente le necessità del cliente. L’ “audio 3D” rappresenta oggi il nuovo trend per coinvolgere il pubblico e continuerà ad essere visto come un aspetto fondamentale, ma solo in installazioni di alto livello perché i costi associati a queste tecnologie sono molto alti.

 

l1100517Iron Fairies nightclub a Shanghai ha messo una sistema portabile Axle-KRX802 per il main. 
 

3. E’ difficile conciliare la richiesta di prestazioni di alto livello con l’esigenza di elevata versatilità?

Assolutamente, il cliente che investe in un sistema audio di fascia alta pretende che questo si possa adattare ad applicazioni diverse, ma questo non deve comprometterne la qualità. Grazie all’utilizzo di tecnologie innovative, come lo steering digitale che permette di focalizzare il fascio sonoro su una determinata area, grazie ad uno chassis compatto e leggero che rende semplice il trasporto e il setup del sistema e grazie ad un vasto catalogo di accessori che permettono di configurare il sistema in qualsiasi tipo di ambiente, i prodotti K-array riescono a soddisfare una vasta gamma di applicazioni mantenendo performance di altissimo livello.

 

4. Parlateci di una recente installazione che mette in luce l’esperienza K-array nel settore dei club.

Quando il Taiga Beirut ha aperto le sue porte in Sodeco, Beirut, i proprietari del nightclub si sono rivolti a K-array ed hanno installato i nostri elementi line array super compatti Mugello-KH2. Tre unità per parte vanno a formare il Main PA, a cui si aggiungono sei diffusori coassiali da 12” Axle-KX12, insieme ad una coppia di subwoofer Thunder-KMT21 e una coppia di subwoofer Thunder-KMT18.

 

Il KH2 implementa la tecnologia denominata “Electronic Beam Steering” (EBS), che ha reso possibile aggiustare digitalmente la dispersione del fascio sonoro generato dall’array all’interno del nightclub. Questo non solo assicura la stessa esperienza di ascolto a tutti le persone presenti nel locale, ma allo stesso tempo riduce l’inquinamento acustico in tutte quelle aree dove la pressione sonora deve mantenersi minima.

 

Elemento fondamentale che rende questa tecnologia estremamente potente, è l’utilizzo dei filtri FIR, che garantisce un’elevatissima risoluzione in frequenza nella modellazione del fascio sonoro, obiettivo non raggiungibile utilizzando dei semplici delay o filtri “tradizionali”.

 

Il KH2 si distingue anche per la tecnologia denominata Slim Array Technology (SAT) che non solo porta ad evidenti benefici in termini di trasporto, semplicità di montaggio e risparmio complessivo dei costi di movimentazione, ma permette al diffusore di avere un’emissione cardioide alle frequenze medio-basse ed una risposta all’impulso velocissima. Il suono potente, ma allo stesso tempo ben controllato, che viene emesso dai diffusori, perfora letteralmente l’aria e penetra fin dentro le ossa.

 

La combinazione di queste due tecnologie porta ad un’esperienza di ascolto irraggiungibile con elementi line array di tipo tradizionale, soprattutto in termini di definizione del suono e riduzione dell’inquinamento acustico al di fuori della pista da ballo.

2016-08-23-10.50.24-compressor
Taiga nightclub a Beruit ha una sistema KH2 per il main PA.