Line Array per Combattere la Riverberazione nello Storico Salone Fiorentino

column-array-speakers-portable-line-array

Il famoso Salone dei 500 di Palazzo Vecchio ha da sempre rivestito una grande importanza per la città di Firenze. Con i suoi 54 metri di lunghezza, i 23 di larghezza e i 18 di altezza è il salone più grande e più importante in termini di valore artistico e storico della città e il salone più grande realizzato in Italia dedicato alla gestione del potere temporale.

 

Costruito originariamente durante il Rinascimento per ospitare incontri dei rappresentanti del governo democratico della Repubblica Fiorentina o del Grande Consiglio del 500, il Salone dei 500 ha cambiato uso nel tempo secondo le esigenze dei proprietari del palazzo. Infatti nel tempo è stato trasformato dal salone che rievocava importanti battaglie arricchito da opere d'arte commissionate a due dei maggiori artisti fiorentini del tempo, Leonardo da Vinci e Michelangelo, alla sala dove il duca Cosimo I° de' Medici riceveva ambasciatori e dava udienza al popolo. 

 

Riccamente decorato e molto apprezzato dai turisti, il Salone dei 500 è rimasto incredibilmente importante anche nei tempi moderni, ospitando eventi privati di grande rilievo tra i quali la prima mondiale di Inferno, adattamento dal romanzo di Dan Brown, con la presenza del regista Ron Howards e le star di Hollywood Tom Hanks e Felicity Jones.  

 

column-line-array-speaker-system

Dato l'elevato numero di eventi tenuti in questo salone, gli organizzatori hanno avuto la necessità di un sistema audio fisso che fosse in grado di adeguarsi alle più disparate esigenze. L'installazione audio richiede la copertura ottimale del Salone di 500 pur mantenendo il minor impatto visuale possibile. Data la loro discrezione e la loro potente gittata, nonché la connessione fiorentina, la soluzione K-array è stata la scelta ovvia.

 

La sfida più grande che propone questo salone dipende dal fatto che è molto riverberante. Le grandi pareti affrescate, i soffitti molto alti e la mancanza di un trattamento acustico specifico creno forti riflessioni del suono. Le soluzioni tradizionali di amplificazione e diffusione sonora tendono a distribuire il suono in tutte le direzioni provocando una grande quantità di energia inviata alle pareti e al soffitto. Per evitare le conseguenti riflessioni che creano un suono rimbombante e danneggiano notevolmente l'intelligibilità all'interno della stanza, integratore Expomeeting ha proposto un line-array composto da 8 altoparlanti Kobra-KK102 e da 2 subwoofer Thunder-KMT18.

   

I line array Kobra sono in grado di mettere a fuoco il fascio sonoro sul piano verticale, pertanto l'energia sonora si concentra lungo l'asse del diffusore e non è distribuita verso il soffitto.

simulation-line-array-speakers

Questo fenomeno è molto evidente: l'energia sonora si concentra sul pubblico e l'emissione in direzione del soffitto e degli affreschi è assolutamente minima.

 

Daniele Mochi, specialista di prodotto e progettista di K-array, ha spiegato: “Questo comportamento è ancor più accentuato poiché il salone è molto lungo perciò abbiamo proposto di installare due colonne da 3 metri su ogni lato del palco. Questa configurazione non solo riduce di gran lunga il riverbero, ma copre efficacemente l'intero salone nonostante i suoi 50 metri di lunghezza”.

 

Per garantire una pressione sonora sufficiente alle frequenze inferiori sono stati aggiunti due subwoofer da 18” che servono anche come supporti per gli altoparlanti a colonna. L'amplificatore interno dei subwoofer consente anche di pilotare le colonne passive, rendendo l'installazione estremamente semplice e funzionale.

line-array-speaker system-florence-hall

E per il monitoraggio adeguato per oratori ospiti o esecutori sul palco, sono stati installati verticalmente due sistemi aggiuntivi Kobra-KK102 dietro il sistema principale.

 

Tutte le parti sono rimaste molto soddisfatte dell'installazione e conclude Mochi: “Gli array in colonna sono la configurazione perfetta per questo salone. I Kobra soddisfano tutti i requisiti necessari per rendere l'installazione un successo!”